“Hai avuto pazienza con loro molti anni, mentre li avvertivi per mezzo del Tuo Spirito”
(Neemia 9:30)

In questa commovente preghiera di confessione, fatta di memorie e ricordi tratti dalla storia passata d’Israele, sorprende non poco l’enfasi posta sulla pazienza di Dio nonostante i peccati del popolo. Dio è paziente o, come riportano altrove alcune versioni antiche della Bibbia, è longanime, cioè ha una lunga anima: sopporta a lungo, perdona con pazienza comprensiva, è incline al bene sapendo che chi gli sta di fronte facilmente cade e pecca. È significativo pensare alla pazienza di Dio. Egli si allunga in favore dei peccatori e lo fa per molto tempo. Non è in debito con nessuno, eppure non giudica affrettatamente. Passano gli anni, eppure non cessa di avvertire i perduti del mondo con l’intento di ricondurli al ravvedimento, proprio come fece in questo caso con il Suo popolo eletto. Perché lo fece e perché mostrò un amore così intenso? La preghiera prosegue con queste parole: “… perché sei un Dio clemente e misericordioso” (v. 31). Il Dio della Bibbia, dunque, è incredibilmente paziente e amorevole.
s.v.

Calendario a Libro

Prenotabili dal 15 Giugno

Vai allo Shop

Calendario 2019

Una parola per oggi

Calendario Audio

Radio Risposta

Inserite la Meditazione nel vostro sito

La storia più bella

Bibbia per bambini

Acquista

La storia più bella - CD Audiolibro

Bibbia per bambini

Acquista

La storia più bella - Chiavetta USB

Bibbia per bambini

Acquista